West Coast con bambini. Dove andare e cosa vedere in 18 giorni | Seconda parte

West coast con bambini

Los Angeles, Las Vegas, San Francisco e molto altro in questo viaggio On the Road lungo la West Coast.

Quando si decide di intraprendere un viaggio lungo la West Coast con bambini, l’organizzazione è fondamentale. Occorre studiare le mappe, definire gli itinerari e pianificare alloggi e spostamenti. Ecco la seconda parte del racconto di viaggio che Vincenzo e la sua famiglia sognavano da tempo.

Ecco il link per leggere la Prima Parte del Tour di 18 giorni della West Coast con bambini.


Dopo Hollywood e Beverly Hills, la Death Valley e Las Vegas il viaggio prosegue alla scoperta di questa meravigliosa e selvaggia terra che ci regala paesaggi e ricordi indelebili.

Alla scoperta dello Utah

Giorno 10 – Zion National Park

Lasciamo il Bryce Canyon ma rimaniamo nello Utah e dopo circa 75 miglia arriviamo al Parco Naturale Zion.

Qualche difficoltà iniziale con il parcheggio ci spinge a prendere una delle navette gratuite che viaggiano su e giù per il parco. Percorriamo le Emerald Pools Lower, un sentiero adatto ai bambini della durata di un paio di ore. La vista dallo Scenic View è incredibile, il mix perfetto di prospettive naturali e paesaggi unici.

Importante: Non dimenticate di portare l’Acqua!

Saliamo sul nostro SUV e ci dirigiamo in Nevada e precisamente a Mesquite. Ceniamo da Peggy Sue, un ristorante in perfetto stile ani 50 e pernottiamo al Rising Star Sports Ranch.

Zion National Park

Zion National Park

Dal Nevada alla California

Giorno 11 – Mesquite, Area 51, Mammoth Lake

Ci aspetta la giornata più lunga del nostro viaggio che ci condurrà dal Nevada alla California.

Le ore trascorrono lentamente e i chilometri su queste strade sembrano interminabili. Facciamo uno stop nei pressi dell’Area 51 precisamente a Little A’Le’Inn, luogo diventato famoso per gli avvistamenti alieni. I bambini si divertono con le foto e i pupazzi a tema, ci fermiamo a pranzo in un pub per un pasto tipicamente americano.

La prossima tappa è Tonopah per rifornire carburante e beni di prima di necessità. Poco prima di arrivare in città non ci facciamo mancare l’incontro con uno Sceriffo che, come nei migliori film, ci intima di accostare lampeggiando. Dopo i controlli di rito e una paternale quasi incomprensibile ci lascia andare. Anche questo significa viaggiare on the road.
In serata finalmente arriviamo a Mammoth Lakes per soggiornare al Sierra Lodge.
Mammoth Lake

Mammoth Lake

Scorci incredibili allo Yosemite NP

Giorno 12 – Yosemite National Park

Arriviamo al check-in dello Yosemite National Park, nonostante l’alta affluenza di turisti riusciamo a parcheggiare e fare tante foto. Da segnalare il Tunnel view, Bridalfall, Cathedral, Swiming bridge e l’Half Dome per poi concludere la gita sotto le Yosemite Falls. All’interno del parco, come suggerito dai Rangers, è preferibile prendere le navette gratuite per coprono i vari top view.

Una giornata intensa e tante escursioni tra quelle segnalate sulla mappa in dotazione. Saliamo di nuovo in auto e guidiamo fino al prossimo e penultimo hotel, il Plus Rama ad Oakdale, a metà strada tra lo Yosemite e San Francisco.

Yosemite National Park

Yosemite National Park

San Francisco e le tappe obbligate

Giorno 13 – San Francisco, Lombard Street, The Coit Tower, Golden Gate e Market Street

Arriviamo a San Francisco e in un attimo ci troviamo in mezzo al tipico traffico californiano. Prima tappa Marina Bay e il famoso Golden Gate, qui per le autovetture il parcheggio è gratuito dal lunedì al venerdì. Dopo un pranzo indimenticabile con Alcatraz e uno dei ponti più famosi al mondo sullo sfondo, ci dirigiamo a Lombard Street, la famosa via con i tornanti che tante volte abbiamo visto in fotografia.

Riconsegniamo il SUV che ci ha accompagnato in questa meravigliosa avventura anche perché San Francisco è decisamente a misura d’uomo. Andiamo all’Hotel Donatello, vicino a Union Square, la base logistica perfetta per organizzare le giornate successive.

Golden Gate Bridge

Golden Gate Bridge

Alla scoperta di San Francisco

Giorno 14 – Union Square, Chinatown, Little Italy, Pier 39, Aquarium, Ghirardelli Mall

Dal caldo torrido del deserto alle temperature rigide di San Francisco, 13 gradi, abbiamo provato di tutto in questo viaggio.

La prima impressione è quella di sentirsi un po’ a casa, lo stile architettonico è molto simile a quello europeo. Prima tappa al centro turistico per l’acquisto del City PASS (89 $) che consente ai turisti di visitare le attrazioni principali della città.

Dopo aver visto Little Italy e Chinatown ci aspetta il market del Pier 39 dove gustiamo il famoso panino con il granchio. Ci fermiamo qui e il pomeriggio trascorre tra gli stand, le foche che popolano il molo e l’Aquarium, perfetto per i bambini.

Percorriamo la Jefferson Street, raggiungiamo Fisherman’s Wharf e ci soffermiamo al Ghirardelli Mall per un gelato. Al rientro decidiamo di salire sul famoso Cable Car, ne vale la pena anche se abbiamo fatto circa un’ora di fila.

Pier 39 san francisco

Pier 39

I musei di San Francisco

Giorno 15 – Museo delle Scienze, Haigth and Asbury, Alcatraz e Crociera Baia

La giornata inizia presto ma il clima non è ottimale, il cielo è di uno strano color arancione. Solo successivamente veniamo a sapere che si tratta di un fenomeno tipico che si presenta quando dalla baia si innalza la nebbia.

Ci dirigiamo al Museo delle Scienze, i bambini apprezzano e anche per noi è entusiasmante. Pranziamo ad Haight-Ashbury, il quartiere Hippie di San Francisco.

Nel pomeriggio decidiamo di fare la Mini Crociera della Baia, inclusa nel PASS, per vedere da vicino il Golden Gate e Alcatraz.

Alcatraz

Alcatraz

Le strade di San Francisco

Giorno 16 – Lombard Street, Alamo square e Painted Ladies

Raggiungiamo con il Cable Car e qualche difficoltà la cima di Lombard Street ma ne vale la pena, le innumerevoli foto scattate qui ne sono la testimonianza.

La tappa successiva è Alamo Square,  che raggiungiamo con Uber, per ammirare le Painted Ladies. Le famose villette colorate in Stile Vittoriano. Il parco è curato, pulito e l’ampio playground è perfetto per i bambini. Ne approfittiamo per un pic-nic e torniamo sul molo, al Pier 39 ci aspetta un tramonto da togliere il fiato.

Cable Car San Francisco

Cable Car – San Francisco

Ultimo giorno a San Francisco

Giorno 17 – MOMA, Yerba Park

La nostra ultima giornata a San Francisco decidiamo di visitare il Museo di arte Moderna. Il MOMA ci ha sorpresi e trascorriamo qui la mattinata. Dopo un pranzo a base di Sushi allo Yerba Park ci concediamo un ulteriore giro a Market Street.

Torniamo in hotel per prendere le valigie e ci facciamo accompagnare all’aeroporto.

Si torna a casa

Giorno 18 – Los Angeles, Monaco Roma

Si conclude così il nostro viaggio on the road alla scoperta di una terra ricca di colori e contrasti. Un viaggio unico reso ancora più bello dai bambini.

Nell’immaginario comune la presenza dei piccoli rappresenta un limite per i viaggi, soprattutto su lungo raggio. In realtà è stato davvero stimolante e abbiamo avuto la conferma che anche un tour come questo può essere organizzato rispettando i tempi e i ritmi dei bambini.

west coast con bambini 18 giorni

CONDIVIDI IL TUO VIAGGIO

Vuoi raccontare la tua esperienza di viaggio con i bambini? Suggerire itinerari e fornire consigli utili ad altri Genitori Giramondo?

Scrivi a [email protected] o contattaci su Facebook. Il tuo racconto verrà pubblicato ed entrerai a far parte della nostra Community.

 


Ti è piaciuto il post?

Iscriviti e ricevi i nuovi articoli direttamente via e-mail

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.